Il mio 2012 in 20 Canzoni.

E’ stato un anno pieno di emozioni forti, zeppo di esperienze che mi hanno veramente cambiata.

Martina è cambiata nel modo di affrontare al vita, le difficoltà, nel modo di relazionarsi con le persone. E’ cambiata nel modo di amare e di cercare l’amore. Ha scoperto passioni di cui ora non riesce  a fare a meno.

APRITE ANCHE IL CUORE QUANDO ASCOLTATE UNA CANZONE, NON SOLO LE ORECCHIE. Queste sono le mie canzoni del 2012, quelle che mi hanno lasciato qualcosa nel cuore.

#20 Club Dogo – Minchia Boh

Io ODIO i Club Dogo. Quindi vi chiederete cosa caspita ci fanno all’ultima posizione della mia classifica, la risposta è semplice: i Dogo pensavano di creare un parodia ma in realtà hanno scritto il vero e proprio INNO DEGLI ZARRI D’ITALIA! Quindi questa canzone è per voi, Zarri che accompagnate le mie serate in discoteca!

#19 Andrea Nardinocchi – Un posto per me 

Spesso passando sui Navigli a Milano, con l’iPod nelle orecchie, ho sentito il bisogno di mettere in loop questa canzone. Volevo riprodurre la strana camminata di Andrea durante il Video Clip.  Entra in pieno nella mia classifica del 2012 perchè è intrisa di ricordi, di passeggiate, di pensieri e di decisioni importanti.

#18 Virginiana Miller – Tutti i santi giorni

Non ho trovato niente, che anche lontanamente somigliasse a te…perchè questo pezzo dei Virginiana Miller è un piccolo capolavoro. Quante serate passate al buio, nella mia stanza, con questa canzone. Ricordo  una sera, sulla veranda in Etiopia, dopo una giornata in Ospedale. Non riuscivo a spiegarmi perchè lì, in Etiopia, tutto andava al rovescio.

#17 King Of The Opera – the Floating Song

Questa canzone mi mette nostalgia. Chiudo gli occhi e la mia mente scova ricordi lontani, che sembravano persi. Penso ai giorni del liceo, quei giorni in cui non avevo voglia di andare  a scuola e mi sdraiavo sul prato del parco a disegnare. Mi fa pensare alla Libertà.

#16 VADOINMESSICO: “Pepita Queen of the Animals”

per settimane ho canticchiato questa canzone ovunque. I miei genitori non ne potevano più, i miei amici conoscevano quasi a memoria il testo. L’ho fatta sentire a decine di persone.

#15 Amor Fou – Ali

Come si può non cantare e non ballare questa canzone?! dai, è impossibile! Vorrei che esistesse una Discotecalabirinto dove mettere a Alì in loop e ballare, limonare e sudare fino allo sfinimento. Lo ammetto, è capitato che io mi chiudessi in camera, mettessi Alì a tutto volume e mi lasciassi trasportare dalle sue note.

#14 SALUTI DA SATURNO – L’AMORE RITROVATO

Fermati. Chiudi gli occhi e lasciati trasportare. Mi immagino una spiaggia, un ragazzo e una ragazza che camminano per mano. Questa canzone è terapia, mi ha aiutata a superare un tremenda delusione.

#13 L’orso – Con i chilometri contro 

Piangere torrenti ascoltando questa canzone ❤

#12 I Cani – Asperger

I Cani sono stati LA scoperta del 2011, ho ascoltato il loro album centinaia di volte. Poi è uscito il vinile “I Cani non sono pinguini” e ho trovato questa piccola meraviglia al suo interno, non ne posso fare a meno, batto il piede per terra e muovo la testa a ritmo.

La ascoltavo ogni mattina prima di entrare a tirocinio.

#11 Colapesce – Satellite 

Questo pezzo, questo featuring, questi video fanno di Colapesce un artista completo. Ascoltatela centinaia di volte che non riuscirà a stufarvi!

#10 Teatro Degli Orrori – Io cerco te

Ormai avrete capito l’immenso amore che provo per Il Teatro. Compagni di viaggi in treno  e di serate tristi. Se sono arrabbiata, scarico la tensione ascoltando loro!

#9 Girless & The Orphan – Mein Vatikampf

Loro hanno un futuro promettente, hanno un suono folk che incontra il punk, che crea una miscela esplosiva e ricercata, a tratti ruvida. Emozioni a non finire.

#8 MANAGEMENT DEL DOLORE POST-OPERATORIO – Pornobisogno 

Loro sono dei fottutissimi geni. Punk a manetta che mi da la carica giusta per affrontare ogni difficoltà. Insieme ai MaDeDoPo chi mi uccide più? Vorrei farvi notare il video che è stato censurato parecchie volte!

#7  Il triangolo – Nessuna pietà per quelli che odiano gli anni sessanta

Giravo per Milano annoiata, c’era lo sciopero dei treni e non potevo tornare a casa. Passa davanti alla Fnac e casualmente scopro che questa band a me sconosciuta presentava il disco alle 18 con un live. Ringrazio ancora lo sciopero di Trenord di quel giorno! Sono stati amore a primo ascolto, colpo di fulmine.

#6 Pan Del Diavolo – Vento fortissimo

sono fissata con le canzoni che potrebbero essere la colonna sonora finale d un film, quelle canzoni che ti lasciano l’amaro in bocca. Vento Fortissimo è un pezzo che mi fa tornare la fiducia nella musica italiana! Il Pan del Diavolo sono in assoluto la migliore scoperta del mio 2012.

#5 Lo Stato Sociale – Abbiamo vinto la guerra

Andatevi a sentire un loro live poi riuscire a a capire il perchè io mi sono follemente innamorata di loro!

FEDERICO SE N’E’ ANDATO DA SOLO, CARLO HA POSATO PER I FOTOGRAFI NUDO, E MARIO SI PRESENTA ALLE ELEZIONI!

#4 Maria Antonietta – Questa è la mia festa

Lei è la rivelazione del panorama indie italiano. A primo impatto mi aveva infastidito, ho deciso di comprare l’album e non ne posso più fare a meno. I testi sono meravigliosi e profondi.

#3  DiMartino – Non siamo gli alberi

Quando una canzone racconta la tua vita e tu ti senti nuda. Quando una canzone diventa un’ossessione pura.

#2 Tre Allegri Ragazzi Morti – La mia vita senza te

C’è stato un giorno in cui l’ho ascoltata 27 volte di fila, mio fratello preoccupato è entrato in camera mia chiedendomi se era tutto a posto. E’ bella da farmi stare male, tutto il nuovo album dei TARM è indescrivibile.

Una semplice frase che descrive esattamente lo stato d’animo di tutte quelle persone che vanno avanti pur avendo perso qualcuno o qualcosa di speciale. Il ritmo orecchiabile e magari spensierato è in perfetto contrasto con la malinconia velata del testo.

#1 Nicolò Carnesi – Mi sono perso a Zanzibar

La sua Zanzibar è la mia Etiopia, il mio cuore è ancora la, tra i miei splendidi bambini. E’ la colonna sonora dell’ultima parte del mio 2012. La sento mia. Ma nessun posto è come te…

6a00d8341d4dc653ef010536a7be88970b-500wi

Annunci

2 pensieri su “Il mio 2012 in 20 Canzoni.

  1. Ciao! Sono Chiara Beretta, scrivo su Settegiorni Altomilanese, tra gli altri comuni, anche di Arconate (http://altomilanese.settegiorni.it/). Ti ho “trovata” grazie a Twitter e da lì ho scoperto questo blog. Ho letto della tua esperienza in Africa quest’estate: mi piacerebbe intervistarti e approfondire quell’esperienza, per poi pubblicare un articolo – una sorta di testimonianza- su Settegiorni. Non è la prima volta che simili esperienze compiute da giovani finiscono in edicola sul nostro settimanale, e l’argomento mi pare di interesse sempre attuale, anche se da quanto leggo ormai sono passati un po’ di mesi dal tuo viaggio. Se l’idea può interessarti, rispondimi a chiara@beretta.mi.it.
    Grazie,
    CB

  2. Pingback: Il mio 2013: l’anno della Nostalgia e della Rinascita. | vivointempibui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...