autoironia spiccia

  
Ci sono certe sere, belle da morire, in cui apro il frigo e trovo ancora un pezzo di seitan, quello bòno bòno che comprai al Bio. Così mi esalto e deciso di prepararlo. Lo taglio a pezzetti piccoli piccoli, lo faccio saltare in padella e infine lo riempio di spezie e salsa di soia. 

Poi mi siedo a tavola, accuratamente preparata e scelgo la playlist di Spotify giusta. 

Sì, insomma, appena lo addento mi rendo conto che nonostante le illusioni, le aspettative molto alte, è e resterà sempre la cosa più insapore che io abbia mai e poi mai mangiato in vita mia. 

Parola di Vegana! 

E poi rido di me, sì perché io penso che il salvavita vero sia l’autoitonia; perchè essere ironici siamo un po’ capaci tutti: ridere degli eccessi, delle disgrazie altrui siamo tutti bravi il problema nasce quando dobbiamo guardarci noi. 

Per me il salvavita è sempre stato questo cioè avere sempre uno sguardo leggero e lieve sulla mia vita anche nei momenti peggiori.

Parlo di Autoironia spiccia. 

Ora, con 40º gradi all’ombra sono costretta a girare con una benda bianca sull’occhio e mi prendo costantemente in giro! Un amico mi ha anche promesso una benda stile piratessa, la aspetto! 

Se riesci a ridere di te stesso, va tutto bene. …comincia il tuo giorno ridendo di te stesso, e ogni volta che trovi un momento libero nella tua giornata… quando non sai cosa fare, fatti una gran risata. Senza motivo – solo perché il mondo intero è così assurdo, solo perché è così assurdo il modo in cui sei fatto tu.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...