Per una volta vorrei un autoscatto dei nostri veri pensieri al posto di quello delle nostre facce, che ne dici?

Regole di psicologia relazionale #4.                                                               Se non rincoglionisci almeno un po’, allora non sei innamorato.

Disse il magico libro che voleva svelare i segreti più nascosti dell’amore. Fallendo. Miseramente. L’amore è apparentemente la cosa più banale al mondo, eppure nasconde dentro di se un milione di significati nascosti. In tanti hanno cercato di spiegare però dannazione, sai, l’amore è illogico, non ha una spiegazione tangibile

Molte persone si abituano ad avere accanto qualcuno, a sentire calore o un leggero tepore emozionale, una sensazione di lieve tranquillità.

Qualcosa a cui non potrei mai abituarmi. Stare bene non è amare. L’amore se lo senti ti prende tutto o non ti prende nulla.
E se te lo fai andare bene è un quasi amore ma non è amore.
Puoi fingere di amare ma non puoi convincerlo l’amore. Non esiste nessuna magia che non sia quella del cuore a farlo nascere se non c’è.

Sono stata per molto tempo insieme ad una persona, nella mia testa mi dicevo continuamente “Marti, è quello giusto, cosa vuoi di più dalla vita in questo momento? Hai tutto. Smettila di rovinare ogni rapporto come al solito!”. Poi cominciai il servizio civile, provai delle emozioni forti, VERE. Nei miei lunghi viaggi di ritorno verso casa, piangevo, di felicità però! Piangevo perchè finalmente mi ero resa conto cosa significasse AMARE. Amare la semplicità della vita, i sorrisi dei bambini, i piccoli gesti di quotidiana allegria, le carezze, il ritornare bambina giocando sotto una capanna di cuscini e coperte, bere un the ai frutti rossi con una collega o una birra dopo il turno. Questo è l’amore per me.

Vedete? Spesso l’uomo medio limita la parola AMORE alla relazione tra uomo e donna. Che banalità!

Ecco, da allora io ho deciso, voglio lottare per qualcosa per cui valga la pena vivere e morire per lo stesso motivo esatto, un’equazione illogica, lo so, la variabile che determina inequivocabilmente la differenza fra le cose e le cose importanti.

Questo nella vita capita con molta difficoltà ma se non dovesse più capitare io surrogati non ne voglio, che sia chiaro.

A volte mi fermo in una piazza affollata e guardo il mondo girare. Osservo le persone nella loro spontaneità. Vedo il vuoto. Mi sono convinta che la gente sia un’aggregazione banale, noiosa, superficiale e poco interessante. Io cosa c’entro in tutto questo??? dov’è il mio posto nel mondo?

Così ho messo in atto un intervento sociologico per convincere me stessa che al mondo ci sono altre persone come me. Così da qualche tempo, ho l’usanza di salire su un tram a caso di milano e chiacchierare con le persone. Ascolto semplicemente. C’è così tanta gente al mondo che ha bisogno di essere ascoltata!

Se anche voi ne avete voglia e prendete i mezzi a Milano, chissà che un giorno, per caso non ci incontreremo.

Poi succede, quasi per caso: s’incontrano le rare eccezioni, ci s’incrocia con qualcuno che la pensa come noi, e si apre davanti ai nostri occhi un’orizzonte nuovo, ci si sente meno alieni, e meno soli… ci si rimbocca allora le maniche e si prova, per quanto piccola possa essere l’azione di uno di noi a cambiare le regole.

Sparuti e incostanti sprazzi di bellezza, per salvarsi pian piano, per non restare invischiati nel grigio di quell’abitudine che alla lunga diventa banalità.

Ogni giorno dovete introdurre qualcosa di nuovo nella vostra vita. La vostra responsabilità principale è nei confronti di voi stessi.

Se non la pensate così, non potete dare niente a nessuno. Potete dare soltanto ciò che avete. Se diventate vivi, se attraversate il mondo a passo di danza, facendo cose pazze, diventate affascinanti.

È l’affinità che ci avvicina, ma è la novità che ci tiene insieme. 

Siate saggi, siate stimolanti, siate eccitanti, condividete idee nuove, crescete, progredite, evolvetevi..

12109231_10206959729446027_3693770017912296002_n

Annunci

2 pensieri su “Per una volta vorrei un autoscatto dei nostri veri pensieri al posto di quello delle nostre facce, che ne dici?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...